Doppia Zeta

Sempre per il concorso Parole in Corsa indetto da Trambus… ho scritto un secondo racconto.. Visto il corto che ho scritto successivamente… dovevo essere ossessionato dalle zanzare 🙂     Una goccia di sudore scendeva dalla tempia al collo, ed era tutto normale per una notte d’estate passata in città. Qualche ragazzo in strada stava

Ore 4 – Selezione Naturale

Una città addormentata e in piena fase r.e.m. lo guardava da fuori la finestra mentre si stiracchiava saporitamente braccia e gambe. Si era appena svegliato da un sonno profondo ma tormentato dal solito incubo: decine, forse centinaia di facce che lo guardavano con aria di disapprovazione e biasimo. Quegli occhi, bianchi come uova sode lo

L'uomo dalle scarpe croccanti

Questo racconto è stato scritto per il concorso Parole in Corsa, nel lontano 2004… bei tempi! Non avevo ancora i capelli grigi. Ma ero anche meno saggio. La Casa Editrice Full Color Sound lo ha pubblicato in una raccolta. E’ stato letto durante la serata di premiazione da Pamela Villoresi.   <<Vuole sedersi?>> Una voce maschile

Teina e Vapore acqueo

Questo racconto è stato scritto prima che mi trasferissi nuovamente a Roma. Tendente allo Zen. Riflessivo. E’ stato l’incipit. Ah! E’ stato pubblicato sulla rivista “Carta“. Peccato non ricordi l’anno… ma credo fosse il 2002. 🙂   <<Le notizie terminano qui. Vi diamo appuntamento alle 20.30 per la prossima edizione. Buona Sera.>> La musica di